La Cooperativa

La Cooperativa Don Peppe Diana è la prima cooperativa di Libera Terra nata in Campania. Nasce nel 2010 e si è vista assegnare diversi beni confiscati ad esponenti della locale criminalità organizzata in alcuni comuni della provincia di Caserta per la realizzazione di una fattoria didattica e del caseificio che produce la “Mozzarella della Legalità”, primo prodotto campano realizzato sui terreni confiscati alla camorra…

La cooperativa trasforma un luogo simbolo della violenza in opportunità concreta di riscatto culturale ed economico attraverso lo sviluppo di un’impresa sociale, in cui prevale il concetto del bene da restituire alla società rendendo produttivi questi terreni. Lo stabilimento di produzione casearia parte concretamente nel 2012 grazie al sostegno finanziario di Fondazioni private e all’impegno di numerose realtà come enti pubblici, società private e associazioni, che hanno creduto fortemente nella realizzazione di questo progetto di grandissimo significato culturale, sociale ed economico. Da quell’anno, il caseificio è in produzione con: Il G(i)usto della Mozzarella, mozzarella di bufala campana DOP, Ricotta di di Bufala e Scamorza di Bufala, la cui produzione ad oggi è garantita i primi quattro giorni di ogni settimana: lunedì, martedì, mercoledì e giovedì. La lavorazione del latte di bufala proveniente da allevamenti situati in aree limitrofe viene trasformato in una linea semi-artigianale, capace di offrire oltre al sapore della sua tipicità anche i sapori della giustizia e della libertà.

La formazione dei soci

I soci, tutti alla prima esperienza nel settore lattiero-caseario bufalino, con grande determinazione e tenacia hanno perseguito l’ambizioso progetto che si è concretizzato dopo un adeguato periodo di formazione in aula e on the job presso l’azienda agricola sperimentale Improsta di Eboli in attesa che venisse realizzato il caseificio, che oggi lavora a pieno regime con grande soddisfazione per l’incredibile risultato ottenuto. Il progetto prevede anche l’attività di un’azienda agricola in via di realizzazione ubicata sempre sullo stesso terreno.

Oggi la cooperativa è impegnata nella conduzione di circa 80 ettari di fondi agricoli confiscati e certificati biologici, disseminati sui territori di cinque comuni del casertano: Castel Volturno, Cancello ed Arnone, Pignataro Maggiore, Carinola e Grazzanise.

Related Projects